Val di Vizze

SHARE
, / 0
Val di Vizze

Il premio “Comuni Rinnovabili 2016” va al Comune di Val di Vizze, che si estende lungo una vallata di 30 km circa nella Provincia di Bolzano, all’interno delle Alpi della Zillertal, tra la cresta delle Alpi Breonie orientali (Tux) a nord ed il  gruppo del Fundres a sud. Qui è la produzione di energia elettrica e termica attraverso il mix di 5 tecnologie da fonti rinnovabili, distribuite nel territorio, a far raggiungere al Piccolo Comune il primato di Comune 100% Rinnovabile. A  soddisfare i fabbisogni elettrici di poco meno di 3mila abitanti contribuiscono 2,3 MW di impianti mini idroelettrici e 4,2 MW di impianti solari fotovoltaici distribuiti tra i tetti di edifici pubblici e privati. A questi, si aggiunge un impianto idroelettrico risalente al 1927, rinnovato tra il 1997 e il 1998, da 21,7 MW in grado di generare oltre 81milioni di kWh/a di energia. Non c’è neanche bisogno della produzione di questo grande impianto idroelettrico per garantire al Comune il premio 100% rinnovabile, perché bastano gli altri impianti diffusi.
La parte termica viene invece soddisfatta attraverso una rete di teleriscaldamento, lunga 52,9 km, alimentata da un impianto a biomasse da 16 MWt e in grado di servire 933 utenze, grazie ad una produzione di oltre 57milioni di kWh/a di energia termica, necessari a soddisfare anche parte dei fabbisogni dei vicini Comuni di Vipiteno e Racines. Un ulteriore contributo, sia alla produzione termica che elettrica, arriva da altri 2 impianti a biomasse per complessivi 1,7 MW di potenza, da 1 impianto a bioliquidi da 50 kW, connessi alla rete elettrica e termica, e da alcuni impianti solari termici per 26 mq complessivi.  Entrambe le reti di distribuzione sono gestite da Alperia società energetica nata nel 2014  all’unione di SEL e AEW, due aziende locali altoatesine (di proprietà dalla Provincia Autonoma di Bolzano e dei Comuni di Bolzano e Merano), con l’obiettivo di creare un provider energetico in grado di assumere il ruolo di propulsore della trasformazione energetica in Alto Adige e di raggiungere gli ambiziosi obiettivi del piano energetico provinciale. Ad oggi Alperia serve 225mila utenti, grazie all’energia prodotta da impianti idroelettrici, distribuita attraverso 8.500 km di rete elettrica e 6 reti di teleriscaldamento.
Sono diversi i progetti innovativi messi in campo dal Comune di Val di Vizze. Come l’efficientamento di 13 km di rete elettrica locale a 20 kV, dove l’intervento di manutenzione, oltre a prevedere l’interramento della linea, renderà la linea più capace di ricevere e gestire l’energia prodotta dai diversi impianti da fonti rinnovabili presenti nel territorio. Sarà questa l’occasione anche per la posa posate della fibra ottica per la rete telematica della Provincia e per lo sviluppo di tecnologie “intelligenti” di gestione delle reti elettriche e di alcuni tratti dell’acquedotto per l’acqua potabile, il tutto con un investimento di circa 2,5 milioni di euro.
Inoltre è in fase di ultimazione un impianto a biogas da 10milioni di kWh, in grado di raccogliere i reflui zootecnici degli allevatori distribuiti lungo la Valle, per produrre sia biogas per la generazione elettrica da immettere nella rete locale che energia termica, da immettere nella rete di teleriscaldamento locale e per i fabbisogni della vicina azienda di produzione di yogurt. Il materiale di scarto sarà inoltre utilizzato per la produzione di biofertilizzanti contribuendo così alla riduzione dell’uso di pesticidi nella Valle.