Stabilimento L’Oreal autosufficiente

SHARE
, / 0
Stabilimento L’Oreal autosufficiente

La scelta impiantistica stabilita dalla multinazionale L’Oreal nel Comune di Settimo Torinese (TO), ha permesso di realizzare quello che oggi è il primo e più grande impianto fotovoltaico in regime di SEU -sistemi efficienti di utenza- in Italia, dall’approvazione della delibera dell’Autorità, 578/2013. Il progetto “L’Oréal: emissioni zero” presenta infatti non solo un impianto fotovoltaico da 3 MW, ma anche una rete di teleriscaldamento e una centrale a biomasse che permettono di realizzare un modello di produzione e consumo di energia rinnovabile, che garantisce l’azzeramento delle emissioni di CO2 e permette al polo industriale di essere totalmente autosufficiente dal punto di vista energetico assicurando energia verde a tutte le linee di produzione, senza interruzioni, anche di notte e in giornate poco soleggiate. I moduli fotovoltaici, rivolti a sud, non sono stati posizionati in adiacenza al tetto, bensì posti su cavi d’acciaio, rimanendo così sospesi e con un’inclinazione di 12°. L’installazione dei 14.000 pannelli in questo modo ricrea, quindi, una struttura molto simile a quella di un impianto a terra, a tutto vantaggio di una maggiore produzione solare. A fronte di un investimento di 3 milioni di euro, solo per la tecnologia solare, è valutata una produzione di oltre 3.600 MWh/anno per un risparmio in bolletta di oltre il 12%.  La rete di teleriscaldamento prevede che l’acqua calda della rete venga generata tramite cascame termico delle acque di raffreddamento delle turbine della centrale termoelettrica sita in Settimo, acqua di raffreddamento precedentemente dispersa in ambiente. Si tratta di acqua calda fornita allo stabilimento ad una temperatura di 100°C e 8 bar di pressione con un circuito di ritorno ad una temperatura di 60°C e 8 bar. Questa energia sottoforma di acqua calda è stata connessa allo stabilimento L’Oreal dove viene utilizzata dal 2012 come fonte di riscaldamento per la stagione invernale (al posto delle vecchie caldaie a gas) e come fonte energetica per far funzionare un gruppo frigo a bromuro di lito che raffresca lo stabilimento nel periodo estivo. Il teleriscaldamento inoltre fornisce energia termica a molte abitazioni del Comune di Settimo e ad alcune aziende private limitrofe. Infine, a circa 1 chilometro dallo stabilimento è in costruzione, con inaugurazione prevista per l’estate 2015, una centrale a biomassa che fornirà allo stabilimento ulteriore energia elettrica verde, circa 6.5 Gwh/anno. Inoltre, per la produzione di vapore tecnologico necessario al processo di produzione è necessario utilizzare come fonte energetica il metano: attraverso una collaborazione con ACEA Pinerolese lo stabilimento verrà rifornito di biogas realizzato nel loro impianto che produce biogas a partire dai rifiuti umidi urbani. Per la realizzazione del progetto non è stato ricevuto alcun tipo di finanziamento, ma è stata resa possibile grazie alla stretta collaborazione tra L’Oréal Saipo industriale, il Comune di Settimo Torinese e le Società private che sono intervenute. Il tempo di rientro dell’investimento è stato calcolato in circa 8-10 anni mentre le tonnellate totali annuali risparmiate dal progetto globale sono oltre 9.000, paragonabili  a quelle emesse da 3.000 auto a benzina di media cilindrata.