I Comuni, aderendo alla Rete Comuni Rinnovabili, si impegnano a continuare nella diffusione delle fonti rinnovabili con attenzione all’integrazione nel territorio e di informazione e condivisione degli obiettivi con i cittadini. In particolare si chiede ai Comuni di sottoscrivere alcuni impegni e di costruire percorsi finalizzati a tenere assieme la tutela delle bellezze paesaggistiche e culturali con l’innovazione energetica nella direzione di uno sviluppo economico locale sostenibile.

1-      Continuare nella diffusione delle fonti rinnovabili nel territorio

Le amministrazioni che scelgono di aderire alla Rete Comuni Rinnovabili si impegnano a sviluppare progetti nel proprio territorio che hanno l’ambizione di aumentare nel tempo la produzione di energia verde, sia attraverso impianti pubblici che privati, verso una prospettiva di territori energeticamente autosufficienti e al 100% rinnovabili. In particolare si chiede ai Comuni al momento dell’adesione di individuare i progetti e gli strumenti che si sono predisposti o che si vogliono intraprendere (progetti pubblici e privati, obiettivi di soddisfacimento dei fabbisogni termici ed elettrici, regolamenti edilizi, ecc.).

2 – Mappatura degli impianti da fonti rinnovabili pubblici

Le amministrazioni che aderiscono alla Rete Comuni Rinnovabili si impegnano a collaborare alla creazione di una mappatura degli impianti pubblici nel territorio, fornendo tutte le informazioni utili a Legambiente per mappare la localizzazione e accompagnarla con informazioni e descrizioni per descrivere le buone pratiche energetiche, e fornire dati sul bilancio energetico del territorio.

3 – Costruzione di “Percorsi dell’energia rinnovabile” all’interno del proprio territorio.

Le amministrazioni che aderiscono alla Rete Comuni Rinnovabili si impegnano a valorizzare gli impianti da fonti rinnovabili più significativi attraverso la creazione di “percorsi dell’energia rinnovabile” che permettano di far comprendere il funzionamento e la produzione, i vantaggi degli impianti. Tali percorsi dovranno inoltre essere studiati per valorizzare le risorse e le eccellenze del territorio, ambientali e culturali, agricole e gastronomiche, in modo da permettere una fruizione delle stesse in chiave didattica e turistica. L’obiettivo è quello di diffondere i benefici derivanti dall’uso delle fonti rinnovabili, e attraverso di esse valorizzare le bellezze dei luoghi, coniugando tradizione e innovazione.

4 – Diffusione delle Buone Pratiche

Le amministrazioni che aderiscono alla Rete Comuni Rinnovabili si impegnano a mettere a disposizione il proprio bagaglio di conoscenze per favorire la diffusione di esperienze virtuose in altri territori. I Comuni dovranno fornire informazioni sugli impianti di “successo” da inserire sul sito e dare la propria disponibilità a condividere il proprio bagaglio di esperienza inerente al proprio progetto con altri Comuni. L’obiettivo è di favorire la diffusione di competenze, conoscenze e soluzioni al fine di promuovere lo sviluppo delle fonti rinnovabili, la replicabilità delle esperienze virtuose e una maggiore accettabilità da parte dei cittadini.

5 – Sviluppare percorsi partecipati con la comunità locale

Le amministrazioni che aderiscono alla Rete Comuni Rinnovabili si impegnano per i nuovi progetti da fonti rinnovabili a attivare percorsi di informazione e di partecipazione dei cittadini, attraverso Assemblee pubbliche, incontri, sportelli informativi, eventi al fine di migliorare i progetti e la loro integrazione, di condividere gli obiettivi attraverso un confronto trasparente.

 

torna alla pagina precedente

Leave a Reply

Your email address will not be published.

tre × 3 =