Enviroment Park

SHARE
, / 0

Parco Scientifico e Tecnologico per l’Ambiente nel Comune di Torino (TO): l’Environment Parktraduce idee in progetti di mercato ed è un catalizzatore di innovazione che offre soluzioni efficienti a imprese e istituzioni.

L’azienda è una Spa ad azionariato pubblico che opera in regime di libera concorrenza e si sviluppa su due business unit, Innovazione e Sviluppo e Servizi immobiliari. La prima offre consulenza tecnica e soluzioni di mercato sui settori Green Building, Plasma Nanotech, Green Chemistry e Advanced Energy.

Environment Park è uno spazio en plein air che offre diverse piattaforme per la sperimentazione sul campo di prototipi e progetti oltre che essere realizzato con tecnologie in bioedilizia e architetture sostenibili. Un esempio è la sperimentazione, prima in Italia del sistema dei tetti verdi, un elemento che riduce l’impatto visivo del complesso, assicurando comfort interno agli uffici con un’azione di filtro del calore esterno durante l’estate e un maggiore isolamento interno in inverno.

Inoltre oltre l’85% dell’energia termica è prodotta da caldaie a cippato di legna con assorbitore di calore per la produzione del freddo. Nell’ottica del risparmio energetico e di ricorso a fonti di energia rinnovabile il Parco è ricorso anche all’uso dell’acqua derivata dal canale che lo attraversa: nelle stagioni intermedie raffredda il fluido frigorigeno del raffrescamento mentre nella stagione calda raffredda il condensatore dell’assorbitore evitando il ricorso a torri evaporative. La Palazzina Uffici è stata realizzata con un sistema particolare basato sulla facciata interattiva e sul soffitto a pannelli radianti: la facciata consente un’illuminazione naturale degli spazi interni a cui si aggiungono, nelle zone meno esposte, un cavedio di vetro trasparente e un sistema di 20 camini solari che convogliano la luce dall’esterno. Il soffitto a pannelli radianti ad acqua garantisce alto comfort ambientale e risparmio energetico di funzionamento.

Nella facciata rivolta a sud sono stati posizionati collettori solari termici per riscaldare l’acqua calda sanitaria e un solar wall che nel periodo invernale pre-risclada l’aria che viene poi trattata da una pompa di calore. Grazie ad un intervento di recupero del Canale Meana (Spina3) le acque della Dora Riparia sono derivate, attraversando il Parco, dove è collocata la centrale idroelettrica. All’Environment Park possono trovarsi inoltre dalle torrette per la ricarica di auto elettriche a modelli in scala di costruzioni ecosostenibili, prototipi realizzati da un Polo gestito dall’EnviPark. Uno di questi modelli è l’Energy Skin, modulo per grattacielo utilizza una pompa di calore che preleva energia della facciata e la distribuisce ad una temperatura opportuna all’interno dell’edificio. GRE_EN_S è invece un sistema parete verde modulare, scomponibile e riciclabile caratterizzato da un rivestimento vegetale e da materiali riciclati che garantisce l’isolamento termico e acustico. Per quanto riguarda i dati di potenza e produzione, si hanno 2 MW per l’impianto a biomassa, 16 kW di impianto fotovoltaico che garantiscono una produzione di 12537 kWh/anno di energia elettrica e 670 kW di impianto idroelettrico in grado di produrre circa 1704431 kWh/ anno di energia elettrica. Al 2013 la copertura da fonti rinnovabili è riuscita a soddisfare il 47% di energia elettrica ed il 73% di quella termica

Leave a Reply

Your email address will not be published.

dodici − tre =