Posts by : Katiuscia Eroe

About Author / 340 Posts
,

Gli Orticelli di Giulia nasce ad Adria (RO) nel 2014 quando i proprietari, Giulia e Riccardo, hanno deciso di aprire un’azienda agricola su di un piccolo terreno fino ad allora destinato a seminativo. Ben consapevoli delle sfide che caratterizzano il nostro tempo, hanno cercato nella biodiversità un alleato per ridurre i rischi derivati dai cambiamenti climatici, e per questo hanno piantato 200 alberi da frutto di quasi cento varietà antiche per produrre nell’arco dell’anno una cinquantina di tipi di ortaggi.

,

La Società Tarkett, nello stabilimento di Narni, ha recentemente lanciato un fondamentale programma di miglioramento ambientale attraverso il riciclo di intermedi di produzione e di scarti post installazione, l’utilizzo di olio di lino proveniente da coltivazioni della Regione Umbria con la possibilità di chiudere la filiera del lino con l’utilizzo della biomassa proveniente dalla coltivazione dei semi di lino per ottenere energia termica.

,

Salco in antico toscano è il Salice, un albero storicamente importante nei territori vitivinicoli perché coi sui rami (il “vinco”) si legavano le viti. Salcheto è il nome del ruscello che nasce ai piedi di Montepulciano e traccia una vallata dove i salici abbondavano. Questo ruscello è il confine di questa azienda biologica e biodinamica, radicata nel distretto del Vino Nobile, nel sud-est della provincia di Siena, in Toscana. Il Salice, una specie che viene continuamente ripiantato anche per creare biomasse che contribuiscano all’autonomia energetica della cantina è oggi il simbolo del logo aziendale e del suo impegno per la sostenibilità ambientale.

,

Il Consorzio delle Comunalie Parmensi è un ente di secondo grado che associa buona parte delle Comunalie e funge da struttura tecnica di progettazione. Nell’ultimo decennio il Consorzio ha sperimentato ed attuato diverse progettualità sulle rinnovabili di cui la più recente è rappresentata da un mini impianto di cogenerazione tramite gassificatore a cippato.

,

Bioinagro è una startup innovativa a vocazione agricola operante nella valorizzazione delle biomasse mediterranee in ottica di Bioeconomia, Economia Circolare, Chimica Verde e in campo alimentare, farmaceutico, nutraceutico, cosmetico.

,

Un esempio virtuoso di valorizzazione della produzione locale nonché degli scarti di lavorazione proviene dalla Fattoria La Piana, una cooperativa di agricoltori, presente nel Comune di Candidoni (RC), che raccoglie e trasforma il latte dalle fattorie dei soci. La lavorazione dei prodotti caseari viene infatti incentrata sull’uso delle risorse naturali, riducendo al minimo gli sprechi e la minimizzazione dell’impatto ambientale delle attività. A tal fine sono stati integrati alle strutture diversi impianti a fonte rinnovabile.

,

Il Comune di Dobbiaco si trova a 1.256 m sopra il livello del mare, in val Pusteria, la cosiddetta “valle verde”, premiato da Legambiente nelle edizioni 2009 e 2011 del Rap­porto Comuni Rinnovabili e nel 2011 nella Res Champions League, terzo clafficato tra i Piccoli Comuni.

,

L’Amministrazione del Comune di Staranzano (GO) sta puntando verso uno sviluppo territoriale che non vuole rinunciare alla sostenibilità ambientale. Il Comune ha infatti messo in atto iniziative volte alla realizzazione di impianti per la produzione di energia elettrica da fonte rinnovabile. Ha realizzato tre impianti fotovoltaici a servizio di scuole

,

Il Comune di Berlingo (BS) ha realizzato, nel corso di un decennio diversi impianti ad energia rinnovabile, nello specifico un impianto solare termico per il riscaldamento dell’acqua sanitaria del centro sportivo e diversi impianti fotovoltaici e due centrali geotermiche per riscaldare 3 edifici scolastici.

,

L’azienda Agricola, la Nuova Società Agricola Trevisi, è una realtà tipica della Pianura Padana, nel Modenese, dedita all’allevamento di 220 bovine da latte con annessa una superficie per la coltivazione di foraggi di 140 ha di cui 35 di proprietà. Per valorizzare i reflui dell’allevamento si è optato con l’investimento in un impianto biogas della potenza di 250 KW, una potenza calcolata esattamente sul fabbisogno dell’azienda.